The Leftovers – REVIEW 03×02 Don’t Be Ridiculous

Hi everyone! Here’s my review of episode two “Don’t Be Ridiculous” of The Leftovers. This week we’re dealing with a very beautiful and introspective episode. Let’s see what happened:

– Kevin: we don’t get to see a lot of Kevin in this episode, but it’s pretty clear to me that what he does with the plastic bag is a sort of “ritual” he does everytime he’s alone. It’s still unclear if he’s just trying to “feel” again (like s1 Nora, when she paid hookers to shoot her) or if he’s desperately trying to reach the other side again. This second option seems more plausible to me. He also seems a little less upset about “The Book Of Kevin” than before. This time I had the feeling he was almost afraid of losing the only existing copy.

– Matt: Mary has finally left and Matt found himself alone without his wife and his son. He seems to be completely lost. What was beautiful about Matt in the first two season was his strong faith: nothing could shake his beliefs, neither violence nor other people’s lack of faith. Now that Mary is gone he’s helping a woman persuading everyone on Jarden that the Man on the Pillar departed, after spending three years of his life claiming that Miracle is a special place, the only place on Earth where the Departure can’t happen. Maybe his wife crossed the bridge and didn’t fall back into a coma like he believed it would happen. Maybe that’s what shook his imperishable faith for the first time in his life: what he strongly believed it would happen didn’t, and now he’s all alone without his beloved wife and his son. Another significant detail is his nose bleeding at the very beginning of the episode. Is his cancer back?

THE MAN ON THE PILLAR: At the very beginning of the episode we witness the death of The Man On The Pillar. His wife is Sandy, the woman who gave Matt Continue reading “The Leftovers – REVIEW 03×02 Don’t Be Ridiculous”

The Leftovers – REVIEW 03×01 The Book Of Kevin

Hello everybody! After waiting for months, the third season of The Leftovers is here at last! The first episode is stranger than ever and full of mystery, so I’ll just focus on  the most relevant scenes and mainly on the many questions that arise while watching:

The opening scene – this prologue is definitely brilliant. Not Stone Age this time, but XIX century – year 1844 precisely. As in Season Two, this prologue is very meaningful and complementary to the whole story. We are shown some scenes about the Great Disappointment, a very important event in the life of the Millerite movement, who were hopelessly waiting for Jesus to return. The Millerite movement strongly believed that Jesus Christ would return to the Earth to free humans from sin. But 22 October 1844 came, and nothing happened. So they decided that  what didn’t happen on that date wasn’t about Jesus’ return, but it was in fact the start of his final work of atonement, leading up to the Second Coming.

“He ascended into Heaven and He seated at the right hand of the Father. He will come again in glory to judge the living and the dead, and His Kingdom will have no end”.

This historical event can be easily compared to the Sudden Departure, which was mistaken for the Biblical Rapture at first – the Rapture in the Bible is when sinless believers are freed from the Earth and welcome by Jesus in Heaven.

This prologue is brilliant because of the perfect parallelism between the Millerite and the Guilty Remnant. In the first five minutes of the episode we are shown what happens to a woman, a faithful follower of the Millerite movement, who is deeply touched by the forthcoming return of Jesus and strongly believes that she and her family are in the grace of God. So, like the other faithful, on the elected date she wears white clothes (!), and climbs on the roof of her house, and waits all night long for God to take her. But the days pass and nothing happens. The priest keeps changing the day of the Coming because each date proves wrong. Everybody is loosing hope, except the red-haired woman who never gives up and goes on waiting for the event to come. She ends up alone, derided by the whole village and by her own family as well, and she takes shelter in a place where everybody is dressed in white and sleeps on the floor (in a beautiful tracking shot of the sleeping people which connects the past and the present: dollying from the white dress of the Millerite woman to the sneaker of one of the Guilty Remnant).

Miracle-Jarden: after this short prologue we find ourselves back at home. Jarden, however, looks completely different from the way we remembered the town. Three years have passed since the Guilty Remnant managed to “conquer” Miracle, and what happened next is not so clear. The main difference is that everybody can cross the bridge now and get in, so the town is still a mess. In a shocking scene we are shown Meg and Evie’s headquarter attacked by sort of a military rocket. Are they really dead? And if it’s the case, who killed them? The government? AFTEC? It’s not impossible that the attack was planned by the Guilty Remnant themselves: we know too well that they are willing to sacrifice their members in order to turn them into martyrs, just to get attention. According to the official version, they died in an accidental fire, but some people are suspicious, and poison the “special” water of Jarden’s lake in protest. We are not so sure yet of what really happened, but I guess we’ll meet Meg and Evie again in the Hotel’s world (click here for more).

– Kevin: What’s happening to him? We are shown him wrapping his head in a plastic bag, and choking… Is he hopelessly trying to go back to the Hotel dimension? Is he trying to kill himself? Or to prove to himself that he cannot die? – the same had possibly happened to David Burton, who had declared he had found himself in a hotel and that he couldn’t die now (s02e03). However, except for Kevin’s weird behaviour with the plastic bag, it seems that everything is under control: he’s back in his role of Chief of the Police, and his self-confidence seems to reassure Jarden’s people, to the extent that he is considered sort of a “new Messiah”. I have the feeling that something changed, there’s something really different about him that I can’t explain yet.

– Lily: What happened to Lily? 😥 And why does Nora have a broken arm? Are the two things connected? I don’t know what happened to her, if she died or she was taken by someone, but it’s terribile that Nora had to lose another child after all she’s been through. It really breaks my heart. I don’t think she died though, Kevin and Jill are the kind of people who avoid talking about losing someone and they seem too relaxed about it. But this might be just my feeling.

– Matt Jamison: he seems to have completely lost his sense of reality. So many “miracles” have happened. His beloved wife Mary woke up after being in a coma for three years and finally had a baby (Noah, such a meaningful name if we consider the multiple references to an incoming flood…). Kevin had come back twice from the world of the dead. Many people started to go to church again, to the extent that there’s no room for all of them. All these unsettling events foster Matt’s religious and mystic spirit, and lead him to believe that Kevin is the new Messiah. Together with Michael and John, Matt is even writing “The Book of Kevin”, sort of a new New Testament about Kevin’s life and his multiple resurrections.  Moreover, Mary is going to leave Matt because she does not tolerate his overprotective attitude anymore: he doesn’t allow her to leave Jarden because he’s convinced that she had recovered because of the “healing” power of that place, and he’s afraid she might fall in a coma again if she does. This is very sad if we think of all the years he had spent taking care of her…

– Sarah: the last scene of the episode is amazing (and Max Richter’s makes it even more magical). We are shown a woman who seems to be an older version of Nora. She’s taking care of some homing pidgeons, and a nun calls her Sarah. Who is Sarah? A future version of Nora? Or someone who looks exactly like her? Is this scene really set in the future? I can’t tell why, but I feel that this might be something more than a simple flash-forward… There’s no caption “twenty, thirty years later” before this scene, as always happens with every time shift in the show… No way: I think we can’t understand anything more about this scene before seeing other episodes. What I found significant about it, is Sarah taking care of some doves and throwing the messages away without even reading one. In the prologue the messages were used instead for calculating the date of the next Coming.

– Dean: Last but not least. We all guessed he’d come back, and were thrilled about it, but… what’s happening? Dean seems to have completely lost his mind now. He used to be weird enough in the former seasons too, but there was something about him that made us think he was one of the few who really knew what was happening. In one of the most relevant dialogues in Season 1, the Frost twins were talking about the dogs, of how they went crazy and turned primitive again after the Sudden Departure because unlike humans they were unable to find a logic explanation to that event. Now Dean is back, and he asserts that people are turning into dogs, or dogs into people… His theory seems to make no sense, and does not comply with the spirituality of the show. Nonetheless – and now it’s me that’s going to tell something absurd – at the end of Season 2 I had the weird feeling that the man on the bridge might be Kevin’s dog. It was just a feeling then, but now Dean’s theory about dogs becoming humans in order to leak in the highest levels of the Government has led me to reconsider mine…

I’ll just say in conclusion that this first episode is absolutely brilliant and as usual full of hints for new questions and theories. It was so good and exciting – and destabilizing too – to meet the characters again, and see how their lives have thoroughly changed since the previous seasons. Jill does not live with Kevin anymore, Lily is gone, Tom and Laurie live in Jarden as well. Each of them plays his own role and everybody contributes in maintaining peace and order in Miracle. Kevin is the Chief of the Police again, Nora resumed her job at DSD, Tom is a policeman, while John is a man of faith and lives with Laurie (!) and together they try to help people in a very special way. It’s so good to know that, after suffering so much and facing so many dangers, now these people are all one big family and are willing to fight together against the sorrows of life.

 

The Leftovers – RECENSIONE 03×01 The Book Of Kevin

Ciao a tutti! Dopo mesi e mesi di attesa è finalmente iniziata la terza stagione di The Leftovers con un episodio pregno di misteri! Ecco le scene più importanti, i punti salienti e le domande che sono emerse nel corso della puntata:

– La scena iniziale – il prologo del nuovo episodio è assolutamente geniale. Questa volta non è l’età della pietra ad accoglierci nella nuova stagione, bensì il 1844. La scena di apertura, come quella della scorsa stagione, è molto significativa per la storia complessiva. Mostra infatti alcune inquadrature della Grande Delusione del movimento Millerite in riferimento a un periodo in cui si attendeva disperatamente il ritorno di Gesù. Il movimento dei Milleriti era fermamente convinto che  il 22 Ottobre 1844 Gesù Cristo sarebbe tornato sulla terra per purificarla da tutti i peccati. Tuttavia arrivò il 22 ottobre e non successe nulla. Da ciò si dedusse che gli eventi accaduti in quella data non si riferivano al ritorno di Gesù, ma che invece erano parte della sua opera di espiazione finale, che avrebbe quindi portato alla Seconda Venuta.

“Egli ascese al cielo e sedette alla destra del Padre. Ritornerà in gloria per giudicare i vivi e i morti, e il suo regno non avrà fine”.

Questo evento storico è facilmente paragonabile all’Improvvisa Dipartita, che venne anch’essa inizialmente associata al Rapimento Biblico. (Nella Bibbia il Rapimento è il momento in cui i credenti devoti e privi di peccato vengono tolti dalla terra come gesto di liberazione e accolti in cielo da Gesù).

La genialità di questo prologo sta proprio nel paragone perfetto tra i Milleriti e i Colpevoli Sopravvissuti. Nei primi cinque minuti dell’episodio ci viene infatti mostrato in breve il percorso straziante di una devota credente, emozionata per il ritorno di Gesù Cristo e convinta di essere nelle grazie del Signore insieme alla sua famiglia. I giorni passano e non succede niente. Il sacerdote continua a cambiare la data del Rapimento perché tutte le date scelte in precedenza sembrano essere sbagliate. Tutti perdono la speranza, ma non la ragazza dai capelli rossi che, devota più che mai, continua ad aspettare l’arrivo di quest’evento, rimanendo in fine da sola, derisa dal villaggio e persino dalla sua famiglia.  Molto significativa anche la scelta dell’abito bianco, indossato dai fedeli per attendere il ritorno di Gesù Cristo, facendoci pensare ancora una volta ai Colpevoli Sopravvissuti e al loro costante attendere e cercare di coinvolgere più persone possibili, finendo inevitabilmente per rimanere soli e senza una famiglia.

– Miracle/Jarden: in seguito a questo breve prologo eccoci di nuovo a “casa”. Jarden ha un aspetto completamente diverso da come ce la ricordavamo. Sembra quasi di trovarsi davanti a un’altra città. Sono passati tre anni da quando i Colpevoli Sopravvissuti erano riusciti a entrare in città e ad appropriarsene e non ci è ben chiaro cosa sia successo successivamente. La grande differenza sta nel fatto che chiunque sembra poter attraversare il ponte, motivo per il quale la città è ancora in preda al caos nonostante siano passati tre anni. Per quanto riguarda Meg e Evie, ci viene mostrata una scena durante la quale il loro “quartier generale” viene attaccato da quelli che sembrano essere dei missili militari. Ma saranno davvero morte? E se lo sono, chi è stato a ucciderle? Il governo? La AFTEC? Non è da escludere la possibilità che siano stati gli stessi Colpevoli Sopravvissuti a organizzare l’attacco, poiché come ben sappiamo dagli eventi passati hanno sempre avuto la tendenza a sacrificare i propri membri per farli apparire come dei martiri e per attirare l’attenzione. Qualche scena più avanti infatti vedremo un gruppo di persone protestare contro l’ingiustizia subita da Evie e le sue amiche avvelenando l’acqua “speciale” del lago di Jarden. Insomma, non siamo ancora sicuri di cosa sia successo veramente, ma molto probabilmente incontreremo di nuovo Meg e Evie nel mondo dell’hotel. (click per saperne di più)

– Kevin: cosa gli sta succedendo? Sta cercando disperatamente di tornare nella dimensione dell’hotel? Sta cercando di uccidersi? O di provare a se stesso di non poter morire? Era successa la stessa cosa a David Burton, che aveva dichiarato di essere stato in un hotel e di non essere più in grado di morire (s02e03). A parte questa scena, nella quale ci vengono mostrate le sue insicurezze e le sue debolezze, quello che ci troviamo davanti per il resto dell’episodio è un nuovo Kevin che, tornato nel suo ruolo di Capo della polizia, sembra avere tutto sotto controllo. La sicurezza che la sua presenza sembra infondere nelle persone lo porterà infatti a essere considerato una sorta di “nuovo Messia” da parte di alcuni dei suoi amici più stretti. E qui passiamo al punto successivo.

– Matt Jamison sembra aver perso completamente la cognizione della realtà. La sua amata moglie è uscita miracolosamente dal coma dopo tre anni e ha dato alla luce un bambino (Noah, in italiano “Noè”. Ironico, considerando i continui riferimenti a una grande inondazione). Kevin è tornato dal mondo dei morti… due volte. Tantissime persone hanno ricominciato a frequentare la chiesa, al punto da non aver spazio sufficiente per accoglierle tutte. Tutti questi eventi miracolosi non fanno che fomentare lo spirito religioso e mistico di Matt, che crede di trovarsi davanti al nuovo Messia. Mi piange il cuore per il fatto che Mary voglia andarsene e lasciarlo da solo, dopo tutti gli anni spesi a prendersi cura di lei e ad amarla ogni giorno come il primo, nonostante tutto. Speriamo che Matt abbia torto, e che Mary non ricada in coma una volta oltrepassati i confini della città.. Per quanto ne sappiamo potrebbe succedere.  La cosa ancora più sconvolgente e totalmente inaspettata è la collaborazione tra Matt, Michael e John (assurdo) per scrivere “Il libro di Kevin”, una specie di nuovo “nuovo testamento” che racconta la vita di Kevin e le sue numerose resurrezioni.

– Cos’è successo a Lily? 🙁 E perché Nora ha un braccio rotto? Le due cose sono collegate? Dai pochi dialoghi tra Kevin e Jill non è chiaro cosa sia successo, se sia morta o se sia stata rapita. Il tono della conversazione sembra piuttosto rilassato e rende difficile prendere il considerazione l’idea che Lily sia morta. Quello che è terribile è che Nora abbia dovuto perdere un’altra figlia. Dopo tutto il dolore provato per la dipartita dei suoi bambini e dopo aver trovato la forza di ricominciare da capo, eccola di nuovo a guardare il figlio di Matt con un po’ di invidia e tristezza.

– Sarah. La scena finale dell’episodio è forse quella più scioccante  e destabilizzante. Chi è Sarah? È una versione futura di Nora? O è qualcuno che le assomiglia veramente molto? La scena è veramente ambientata nel futuro? È difficile spiegarne il motivo, ma la sensazione che ci troviamo davanti a qualcosa di più complesso di un semplice flashfoward è forte e difficile da ignorare. Inoltre, ad ogni salto avanti nel tempo siamo sempre stati avvertiti con le scritte “un anno dopo”/“tre anni dopo”, mentre non c’era niente che ci facesse pensare a un cambio di tempo. In ogni caso possiamo fare ben poco per comprendere la vera natura di questa scena senza avere ancora visto gli episodi successivi…

– Ultimo, ma non meno importante… Dean. Sapevamo che sarebbe tornato ed eravamo terribilmente emozionati a riguardo, ma… Cosa sta succedendo? In questo primo episodio Dean sembra aver perso completamente la ragione. Non che prima si comportasse da persona normale ed equilibrata, ma c’era qualcosa che lo faceva sembrare uno dei pochi a capire cosa stesse succedendo. In uno dei dialoghi più belli della prima stagione i gemelli Frost parlavano dei cani, di come fossero impazziti e tornati a essere primitivi in seguito all’Improvvisa Dipartita per colpa della loro incapacità di razionalizzare e di dare un senso alla scomparsa delle persone. E ora? Vogliamo veramente credere che i cani stiano assumendo sembianze umane? O che, viceversa, le persone si siano trasformate in cani? Questa teoria non ha alcun senso e stona con la spiritualità della serie. Nonostante ciò (e adesso sarò io a dire una cosa assurda) alla fine della seconda stagione avevo avuto la strana idea che l’uomo sul ponte potesse essere il cane di Kevin. Ai tempi si trattava solo di una sensazione, ma tutto questo parlare di cani che assumono sembianze umane per arrivare ai piani alti del governo mi ha fatto rivalutare la mia pazza teoria. 😛


In conclusione, penso che nel complesso l’episodio sia assolutamente geniale e, come al solito, pieno di spunti per nuove domande e teorie. È stato bellissimo ed emozionante rivedere queste persone dopo un anno e mezzo di attesa, e al contempo destabilizzante vedere come in soli tre anni le loro vite siano cambiate completamente. Jill non abita più con Kevin, Lily non c’è più, Tom e Laurie abitano a Jarden. Ognuno ha il suo ruolo e tutti lavorano insieme per mantenere la pace a Miracle: Kevin è tornato a essere il capo della polizia, Nora ha ripreso a lavorare per il DSD, Tom è un poliziotto, John è diventato un uomo di fede e aiuta le persone insieme a Laurie (vederli insieme è stranissimo!!). È bellissimo vedere che queste persone, dopo aver sofferto e vissuto in un mondo nuovo e pieno di insidie, si siano ritrovate insieme, pronte ad affrontare la vita e il dolore come una grande famiglia.

Articolo scritto da Giulia Francolino per il sito Non Solo Serie TV

The Leftovers – Il mondo dell’Hotel è un posto REALE

Ciao a tutti! Eccomi qui per l’ennesima volta a cercare di capire il vero significato del mondo dell’hotel. Questa volta, dopo aver visto e rivisto entrambe le serie, penso di essere giunta a una conclusione plausibile e molto interessante, che potrebbe decisamente rispondere a molte delle domande che ci siamo posti in questi due anni e mezzo.

In un’intervista al NYTimes, Damon Lindelof ha detto di prestare molta attenzione alla donna latina nell’episodio “International Assassin” (Assassino Internationale).

“Ascoltate attentamente a quello che la donna latina dice nel corso dell’episodio. Appare due volte: una all’inizio dell’episodio, prima che Kevin entri in macchina con Virgil, e poi subito dopo l’attivazione dell’allarme antincendio, prima che Kevin si avvicini all’uomo con i palloncini per parlargli. Se capite lo spagnolo o conoscete qualcuno che lo parla, ascoltate bene quello che dice. Quello che sentirete risponderà a molte delle vostre domande, non dirò altro.”

“Se ascoltate attentamente a quello che sta dicendo la vostra mente si aprirà ad accogliere nuove teorie.”

Ho provato per mesi a capire cosa dicesse questa famosa infermiera che parla in spagnolo e perché le sue parole fossero così importanti ai fini della storia, e ora ho finalmente capito. Questo è quello che ho trovato in un post su Reddit:

“Prima scena: Una donna, che sembra essere una CONCIERGE, parla: “…non dirmi che hai…” “(No me digas que has he-[cho]…”)
La donna latina vestita da infermiera risponde “Ma io non sono un dottore!” (“…pero yo no soy doctora!”). Kevin entra nel garage e le due donne smettono di parlare.
Seconda scena: “È un cuore umano. Per favore, mi faccia entrare. La prego, mi ascolti. Devo entrare adesso o qualcuno morirà.” 

La donna latina sta cercando disperatamente di entrare nell’hotel per consegnare quello che sembra essere un cuore umano per un trapianto. Ma è la prima scena a essere la chiave di tutto. La donna vestita da concierge è la sua “Virgil”, la sua guida. E molto probabilmente le sta chiedendo se ha bevuto l’acqua. (Per chi non si ricordasse, se bevi l’acqua nel mondo dell’hotel ti dimentichi chi sei e non riesci a portare a termine la tua missione). La donna latina ha chiaramente scelto l’outfit del dottore dall’armadio dell’hotel e di conseguenza le è stata affidata una missione da dottore: fare un trapianto umano per uscire dall’hotel e tornare nel mondo reale. Questo spiega perché nella prima scena stesse negando di essere un dottore e perché sia così ansiosa di portare a termine la sua missione.
Se riguardate questa scena pensando a questa donna latina come a una persona con la stessa “missione” di Kevin, tutto inizia ad acquisire un senso. Questo spiegherebbe anche il prete nell’ascensore e il poliziotto incappucciato nel corridoio. Non si tratta di diverse versioni di Kevin, ma di persone in carne ed ossa che cercano di tornare al mondo reale, proprio come Kevin.”
 (click qui per leggere il post originale su reddit).

Questa potrebbe essere la prova definitiva del fatto che il mondo dell’hotel è un posto reale e non frutto dell’immaginazione di Kevin. (Quando mi riferisco a esso come a un “posto” non intendo necessariamente un posto fisico, ma una dimensione nella quale le persone che muoiono cercano di capire cosa viene dopo). 
Quello che sappiamo per certo è che ci sono quattro opzioni per le persone che finiscono lì. Prima scegli l’outfit dall’armadio che determinerà la tua missione e poi puoi:

  1. Bere l’acqua e dimenticarti chi sei e perché sei lì.
  2. Portare a termine la tua missione, come sceglie di fare Kevin, e cercare di tornare al mondo reale (per fare questo bisogna avere una guida, come Virgil).
  3. Superare un test (come nell’episodio finale, quando Kevin deve cantare una canzone per dimostrare di tenere alla sua famiglia).
  4. Rimanere lì e lasciare che il tempo passi senza veramente capire il motivo della tua permanenza all’hotel, proprio come fa Neil. 

Non si tratta quindi del purgatorio personale di Kevin, ma di un posto per tutti coloro che muoiono. Infatti è proprio qui che rivedremo tutte le persone che sono morte durante le prime due stagioni, tra cui Neil, Patti, Mary Jamison, Gladys e persino Wayne.

E se questo è vero, possiamo finalmente capire il motivo per cui i Colpevoli Sopravvissuti si fanno lapidare con tanta leggerezza. Non per essere ricordati o per mandare un messaggio alla gente, ma perché sanno che non moriranno davvero, ma che finiranno in posto dove la gente condivide il loro pensiero, dove possono organizzarsi e fare qualcosa di più di seguire le persone e fissarle tutto il tempo. Un posto dove Patti Levin sta per diventare presidentessa degli Stati Uniti perché la gente crede in lei e nel suo movimento.

Si lapidano a vicenda per ritrovarsi tutti insieme nell’altro mondo ed entrare nella testa delle persone, proprio come ha fatto Patti con Kevin, e per essere finalmente in grado di distruggere le famiglie. Se ci pensate bene è proprio questo che Patti ha ottenuto entrando nella testa di Kevin.. Ha rovinato i rapporti con tutte le persone a cui teneva facendolo rimanere ancora una volta da solo.

The Leftovers – Lily è la chiave di tutto

Buongiorno a tutti! Ogni volta che ricomincio a guardare The Leftovers penso di essere arrivata al punto di aver capito tutto e di non aver più niente per cui sorprendermi e invece puntalmente trovo piccoli e nuovi dettagli che arricchiscono ancora di più la misteriosa storia di questa serie.

Questa volta ho cercato di concentrare la mia attenzione sui personaggi di Wayne e Lily. Durante la seconda stagione tendiamo a concentrarci su Kevin e sui suoi problemi con Nora, Patti e il misterioso mondo dell’hotel, cosa giusta e sacrosanta, visto che rappresenta forse quella che è la storyline principale. Quello che ho trovato sorprendente al mio ormai settimo rewatch è il ruolo di questi due personaggi che sembrano restare silenti per l’intera durata della seconda stagione, quasi in attesa di tornare a essere i protagonisti negli episodi futuri. Se spostiamo l’attenzione da Kevin a Lily infatti, possiamo vedere che il suo ruolo è tutt’altro che secondario all’interno della storyline della seconda stagione, anzi, potrebbe addirittura essere la chiave di tutti i misteri a cui ancora non riusciamo ad attribuire un significato. Per comprendere a pieno la natura di Lily dobbiamo tornare a Wayne e a tutto ciò che lo riguarda.

Il personaggio di Wayne ci viene introdotto nella prima stagione. Di lui sappiamo poco: il suo nome, Wayne Henry Gilchrest, e il suo potere di guarire con gli abbracci. Quello che rende la sua storia ancora più misteriosa è la sua particolare predilezione per le ragazze asiatiche. A metà della prima stagione infatti, scopriamo che Christine non è l’unica ragazza asiatica a essere incinta di suo figlio: al momento della consegna dei soldi Tom scopre che il destinatario è un altro ragazzo come lui al quale è stata affidata la protezione di un’altra ragazza asiatica incinta. Non abbiamo la certezza matematica che esitano altre coppie di personaggi simili, ma il buon senso ci porta a pensare che Wayne abbia messo incinta più di una ragazza e che le abbia affidate di conseguenza ad altri suoi seguaci come Tom. La domanda che tutti si sono posti fin dall’inizio è “perché solo asiatiche?”. A questo punto della storia, penso che questo sia il modo di Wayne di sviarci, spostando la nostra attenzione sulle ragazze e spingendoci a porci quindi la domanda sbagliata. Continue reading “The Leftovers – Lily è la chiave di tutto”

The OA TEORIA – la storia di Prairie è un’invenzione?

Ciao a tutti! Nel giro di pochi giorni sono riuscita a guardare due volte The OA, la nuova e bellissima serie Netflix uscita il 16 dicembre 2016. Riguardandolo la seconda volta non ho potuto fare a meno di notare un numero infinito di dettagli che mi hanno fatto cambiare completamente idea sul finale e sul suo significato. Alla prima visione pensavo che fosse tutto chiaro: Prairie è un angelo e ha una missione, quella di salvare gli altri angeli prigionieri di Hap. Quello che però aveva insospettito me e molti altri era il ritrovamento di una scatola piena di libri di cui uno di Omero (in inglese Homer) e altri sull’oligarchia russa, sulle esperienze pre morte (EPM) e sugli angeli. E se Prairie avesse mentito fin dall’inizio? Se quello che ha raccontato con tanta passione alle cinque persone che ha scelto non fosse altro che una storia inventata per raggiungere un obiettivo? Ci sono tante cose che mi hanno fatto pensare a questo.

  1. “Prairie. Questo non è il tuo nome”. All’inizio della serie la protagonista continua a ripetersi questa frase, facendosi chiamare dagli altri “il PA” (il Primo Angelo, in inglese “The OA”, The Original Angel). E se si trattasse davvero di un angelo intrappolato nel corpo di quella che prima era una ragazza/bambina normale? Forse Prairie è davvero morta quando era piccola, e al momento della sua morte un angelo, il Primo Angelo, è entrato nel suo corpo con una missione da compiere. Una missione che si porterà dietro per anni e che necessita di un piano molto articolato per essere portata a termine.
  2. Prairie era davvero cieca? Già alla prima visione mi è sembrato strano che, al suo ritorno a casa dopo essere stata tenuta prigioniera per sette anni, si concentrasse con parecchio interesse su un volantino appeso al muro della sua camera. Nella scena sembrava proprio intenta a leggerlo, e successivamente, quando cerca in tutti i modi di far funzionare il WiFi, la vediamo chiaramente intenta a cercare la password prima all’interno di un diario e poi tra alcuni foglietti appesi su una bacheca.

    Noi sappiamo che secondo la sua storia, l’incidente che l’aveva portata alla cecità era avvenuto all’età di circa 4-5 anni, prima dei quali non poteva avere imparato a leggere con sicurezza come farebbe un adulto o un bambino più grande. E sempre secondo il suo racconto, sappiamo che Prairie riacquista la vista all’età di 30 anni, durante il suo periodo di prigionia.  Nelle ultime scene, la maggior parte degli spettatori si è insospettita alla visione di alcuni libri che Prairie teneva nascosti sotto il letto, contenenti chiari riferimenti e similitudini con la sua storia. Ma come avrebbe fatto a inventarsi una storia così articolata basandosi su libri che non sarebbe mai stata in grado di leggere? Inoltre, lo scambio di battute tra Prairie e Kathun al momento della sua seconda EPM mi ha insospettita ancora di più…
  3. Mi ha insospettita il fatto che il padre di Nina/Prairie possedesse una miniera e che fosse proprio una vecchia miniera il luogo in cui lei e i suoi compagni venissero tenuti prigionieri. Continue reading “The OA TEORIA – la storia di Prairie è un’invenzione?”