Game Of Thrones SPOILER- Ipotesi e teorie

e32690d0-02b6-0134-249b-0e1b1c96d76b

Successivamente all’uscita della quinta puntata della sesta stagione di Game Of Thrones, The Door, in internet sono nate tantissime teorie, alcune poco credibili, altre decisamente interessanti. La più quotata, e che sembra rimettere a posto tutti i pezzi del puzzle, è quella secondo cui tutti gli eventi passati di cui abbiamo solo sentito i racconti e che hanno influenzato le vite e le scelte di tutti i personaggi, dipendano da Bran. Ebbene sì, secondo questa teoria le voci nella testa del Re Folle sarebbero i bisbigli e i mormorii di Bran, tornato indietro nel tempo grazie alle sue nuove abilità per mostrargli qualcosa, corrompendo invece la sua mente in maniera irreversibile e costringendolo a seguire lo stesso destino del povero Hodor. Dopotutto, all’inizio della sesta puntata, vediamo Bran, incapace di tornare alla realtà, in preda a visioni che raffigurano proprio Aerys (click qui per rivedere la scena). Se queste teorie fossero vere allora quale sarebbe il ruolo di Bran nella storia nelle vesti di Corvo a tre occhi? Quello di cambiare gli eventi del passato o quello di riconfermarli facendo sì che ogni cosa vada esattamente come deve andare?

Secondo un’altra teoria invece, il Corvo a tre occhi avrebbe provato a cambiare il passato cercando di far ragionare il Re Folle, spingendolo invece verso la pazzia e causando nel mondo guerre e sofferenze, tra cui  la ribellione delle casate Stark, Tully, Arryn e Baratheon, in seguito all’uccisione di Richard Stark e suo figlio Brandon. E grazie a questa terribile esperienza avrebbe insegnato al suo successore, Bran, a non ripetere assolutamente lo stesso errore: quello di cercare di cambiare il passato.

landscape-1464692484-got606-110515-hs-dsc0187

Quello che sappiamo per certo, è che il Corvo a tre occhi, consapevole della sua morte imminente, ha trasferito in Bran le sue capacità e con esse la conoscenza di ogni singolo evento capitato nel mondo in passato. Non avendo ancora la totale padronanza dei suoi poteri, le sue visioni sono confuse e frammentate. In una di esse, vediamo delle persone maneggiare delle ampolle contenenti un liquido verde: si tratta dell’Altofuoco, l’esplosivo con il quale Aerys progettava di bruciare la città e con essa tutti i suoi abitanti. Nella visione successiva, vediamo un’esplosione causata dall’Altofuoco in quelli che sembrano essere i sotterranei di Approdo del Re. Ma come ben sappiamo, il Re Folle è stato ucciso da Jamie Lannister prima che questo potesse avvenire. Quindi cosa ci viene mostrato veramente in questo frammento di visione? Quello che sarebbe successo se Aerys non fosse stato ucciso? Quello che succederà con l’avvento di Daenerys? O semplicemente qualcosa che deve ancora verificarsi e di cui non sappiamo ancora nulla?

Speriamo di trovare risposte soddisfacenti nei prossimi due episodi!

Game Of Thrones SPOILER- “HOLD THE DOOR” finalmente tradotto in italiano

hodor-bran

Ciao a tutti! È finalmente uscita l’attesissima quinta puntata della sesta serie di Game Of Thrones in italiano! Una volta superato lo stupore e l’enorme tristezza provocata dalla bellissima e geniale morte di Hodor (click qui per rivederla), tutti hanno iniziato a chiedersi come sarebbe stata tradotta in tutte le altre lingue, in particolare in italiano, con il terrore che gli spettatori che non guardano la serie in lingua originale non riuscissero a capire il destino di Hodor senza l’aiuto della musicalità delle parole. Il rischio era che non si riuscisse a spiegare in pochissimi minuti e con un solo e geniale espediente linguistico, quello che in cinque serie non abbiamo mai capito, ovvero che cosa avesse reso Hodor quello che era, che cosa lo ha portato a essere un fedele compagno, guerriero e amico, ma soprattutto quale fosse il suo scopo. Per chi ha guardato la serie in lingua originale il messaggio è chiaro. È stato Bran, viaggiando nel tempo, a lasciare un’impronta nel passato e a dare uno scopo a Hodor, facendoci capire che tutto quello che abbiamo visto e vissuto insieme a lui nasceva in quel preciso momento, un momento che ha marchiato a vita il personaggio e l’ha reso quello che abbiamo sempre conosciuto: una persona che come unico obiettivo ha quello di salvare il suo protetto.

Ma torniamo alla traduzione della scena. I timori degli italiani erano fondati, ma una volta vista la scena tradotta non ci sono stati più dubbi: non ci sarebbe stato un modo migliore di tradurla. La musicalità delle parole è stata mantenuta, seppure solo in parte, e il grande e importantissimo messaggio della scena non è andato perso.

Trova un modo“, è così che Matteo Amandola, responsabile dell’adattamento in italiano della serie, ha deciso di tradurre il fantomatico “Hold The Door“.
Eccovi un pezzo dell’intervista rilasciata da Amandola per il sito MoviePlayer.it:

Arriviamo invece alla tua soluzione. Come sei arrivato alla scelta di “trova un modo”? Che compromesso hai raggiunto con questa frase?
L’ho trovata durante una cena proprio la sera prima della consegna, chiacchierando con un paio di amici che, pur non essendo del settore, sono comunque abili e capaci con l’italiano. Così, davanti a una pizza, abbiamo iniziato in tre a scervellarci e alla fine la soluzione è venuta fuori partendo da tutte le parole che contenessero la particella “odo”. È chiaro che il gioco di parole era impossibile da rendere fedelmente e quindi anche io sono dovuto scendere a compromessi con la mia pignoleria. “Trova un modo”, a mio parere, rispettava la situazione e il contesto, non snaturava eccessivamente la scena, ed era possibile da recitare per il doppiatore senza sembrare troppo forzata.

Avevi valutato altre soluzioni? Quali?
Sì ne ho cercate diverse. Un paio le ho anche viste in giro, probabilmente anche qualcun altro ci era arrivato. Avevo valutato qualcosa con “oddio”, ma ne Il Trono di Spade mettere qualunque cosa con “Dio” è rischioso dato che ci sono prevalentemente “Dèi” nella serie. Avevo pensato a un semplice “fermali, Hodor!”, che rispettava tutta la logica temporale della situazione ma lasciava fuori dalla porta, appunto, l’etimologia del nome “Hodor”. E poi tantissime altre soluzioni mi sono ronzate in testa ma nessuna soddisfacente. In effetti, però, quella messa in alcuni sottotitoli, “tieni duro”, mi era sfuggita.

Per chi non avesse ancora visto la scena in italiano, eccovi il link per vederla. Buona visione 🙂