The Leftovers – My article on watchingtheleftovers.com | The Hotel

Guys! I’m happy to announce that HBO published my article on watchingtheleftovers.com! ♥ Click HERE to read it!

Balloons for Mary
During his stay, Kevin meets a man carrying balloons that read, “It’s a Boy!” He says they are for Mary Jamison, who is also, allegedly, a guest. Later, the man knocks on Mary’s hotel room door ready to hand off said balloons. This suggests that Mary, who has been in a coma since a car accident that occurred during the Departure, may be exploring this parallel dimension as well. Jump to Season 3’s “The Book of Kevin” where we meet Mary’s three-year-old son, Noah.

Kevin Garvey, Sr.
Though he may not physically be in the hotel, he could be the key to understanding this purgatory. We saw Kevin Garvey, Sr. communicate with Kevin through the television set — where they appear to be in the exact same room and, somehow connected. Still skeptical? The fire onscreen in Kevin Garvey, Sr.’s hotel room inexplicably triggers the fire alarm in Kevin’s room. In the trailer for Season 3, there’s another hotel room and fire alarm reference. This time it’s Nora, sitting on the bed, smoking, triggering a fire alarm and the sprinkler system around her.

David Burton
In Season 2’s “Off Ramp,” a background TV mentions that a man named David Burton was in a hotel then mysteriously awoke in a cave in Perth, Australia — and now claims he cannot die. Burton was noted in the Season 2 premiere, “Axis Mundi,”  when his name and address were written on an envelope from Pillar Man.

“I am not a doctor.”
After the hotel is evacuated, a Latina woman in the crowd declares she is “not a doctor,” despite being dressed as such. If you pay close attention, you might notice she’s with a woman dressed as a hotel concierge — a guide, if you will — like Virgil is to Kevin. Similar to how Kevin chose the assassin’s suit from his wardrobe, one might assume she “adorned accordingly.”

People in the Guilty Remnant do throw stones
If the hotel is another dimension, we can analyze why the Guilty Remnant (and Patti Levin, specifically) stoned Gladys to death in Season 1’s “Gladys.” It can be argued the cult did this, not only to force people to remember, but because they know mankind has the potential to live on elsewhere. A place where people share the beliefs of the GR — where the cult can organize and achieve the highest positions of power. (Ahem, Patti Levin for President).
 
Have thoughts or theories of your own about the notorious hotel? Share them in the comments below. 

Stream new episodes of The Leftovers on HBO Sunday nights at 9 pm.

The Leftovers – Il mondo dell’Hotel è un posto REALE

Ciao a tutti! Eccomi qui per l’ennesima volta a cercare di capire il vero significato del mondo dell’hotel. Questa volta, dopo aver visto e rivisto entrambe le serie, penso di essere giunta a una conclusione plausibile e molto interessante, che potrebbe decisamente rispondere a molte delle domande che ci siamo posti in questi due anni e mezzo.

In un’intervista al NYTimes, Damon Lindelof ha detto di prestare molta attenzione alla donna latina nell’episodio “International Assassin” (Assassino Internationale).

“Ascoltate attentamente a quello che la donna latina dice nel corso dell’episodio. Appare due volte: una all’inizio dell’episodio, prima che Kevin entri in macchina con Virgil, e poi subito dopo l’attivazione dell’allarme antincendio, prima che Kevin si avvicini all’uomo con i palloncini per parlargli. Se capite lo spagnolo o conoscete qualcuno che lo parla, ascoltate bene quello che dice. Quello che sentirete risponderà a molte delle vostre domande, non dirò altro.”

“Se ascoltate attentamente a quello che sta dicendo la vostra mente si aprirà ad accogliere nuove teorie.”

Ho provato per mesi a capire cosa dicesse questa famosa infermiera che parla in spagnolo e perché le sue parole fossero così importanti ai fini della storia, e ora ho finalmente capito. Questo è quello che ho trovato in un post su Reddit:

“Prima scena: Una donna, che sembra essere una CONCIERGE, parla: “…non dirmi che hai…” “(No me digas que has he-[cho]…”)
La donna latina vestita da infermiera risponde “Ma io non sono un dottore!” (“…pero yo no soy doctora!”). Kevin entra nel garage e le due donne smettono di parlare.
Seconda scena: “È un cuore umano. Per favore, mi faccia entrare. La prego, mi ascolti. Devo entrare adesso o qualcuno morirà.” 

La donna latina sta cercando disperatamente di entrare nell’hotel per consegnare quello che sembra essere un cuore umano per un trapianto. Ma è la prima scena a essere la chiave di tutto. La donna vestita da concierge è la sua “Virgil”, la sua guida. E molto probabilmente le sta chiedendo se ha bevuto l’acqua. (Per chi non si ricordasse, se bevi l’acqua nel mondo dell’hotel ti dimentichi chi sei e non riesci a portare a termine la tua missione). La donna latina ha chiaramente scelto l’outfit del dottore dall’armadio dell’hotel e di conseguenza le è stata affidata una missione da dottore: fare un trapianto umano per uscire dall’hotel e tornare nel mondo reale. Questo spiega perché nella prima scena stesse negando di essere un dottore e perché sia così ansiosa di portare a termine la sua missione.
Se riguardate questa scena pensando a questa donna latina come a una persona con la stessa “missione” di Kevin, tutto inizia ad acquisire un senso. Questo spiegherebbe anche il prete nell’ascensore e il poliziotto incappucciato nel corridoio. Non si tratta di diverse versioni di Kevin, ma di persone in carne ed ossa che cercano di tornare al mondo reale, proprio come Kevin.”
 (click qui per leggere il post originale su reddit).

Questa potrebbe essere la prova definitiva del fatto che il mondo dell’hotel è un posto reale e non frutto dell’immaginazione di Kevin. (Quando mi riferisco a esso come a un “posto” non intendo necessariamente un posto fisico, ma una dimensione nella quale le persone che muoiono cercano di capire cosa viene dopo). 
Quello che sappiamo per certo è che ci sono quattro opzioni per le persone che finiscono lì. Prima scegli l’outfit dall’armadio che determinerà la tua missione e poi puoi:

  1. Bere l’acqua e dimenticarti chi sei e perché sei lì.
  2. Portare a termine la tua missione, come sceglie di fare Kevin, e cercare di tornare al mondo reale (per fare questo bisogna avere una guida, come Virgil).
  3. Superare un test (come nell’episodio finale, quando Kevin deve cantare una canzone per dimostrare di tenere alla sua famiglia).
  4. Rimanere lì e lasciare che il tempo passi senza veramente capire il motivo della tua permanenza all’hotel, proprio come fa Neil. 

Non si tratta quindi del purgatorio personale di Kevin, ma di un posto per tutti coloro che muoiono. Infatti è proprio qui che rivedremo tutte le persone che sono morte durante le prime due stagioni, tra cui Neil, Patti, Mary Jamison, Gladys e persino Wayne.

E se questo è vero, possiamo finalmente capire il motivo per cui i Colpevoli Sopravvissuti si fanno lapidare con tanta leggerezza. Non per essere ricordati o per mandare un messaggio alla gente, ma perché sanno che non moriranno davvero, ma che finiranno in posto dove la gente condivide il loro pensiero, dove possono organizzarsi e fare qualcosa di più di seguire le persone e fissarle tutto il tempo. Un posto dove Patti Levin sta per diventare presidentessa degli Stati Uniti perché la gente crede in lei e nel suo movimento.

Si lapidano a vicenda per ritrovarsi tutti insieme nell’altro mondo ed entrare nella testa delle persone, proprio come ha fatto Patti con Kevin, e per essere finalmente in grado di distruggere le famiglie. Se ci pensate bene è proprio questo che Patti ha ottenuto entrando nella testa di Kevin.. Ha rovinato i rapporti con tutte le persone a cui teneva facendolo rimanere ancora una volta da solo.

The Leftovers – The “Hotel World” is a real place

Hi everyone! Here I am again, trying to figure out the meaning of the “other place” in The Leftovers season two. This time I think I might have found a plausible explanation for that mystical reality that answers to a lot of other questions.

In a NYTimes interview, Damon Lindelof told us to pay attention to the Latina woman in the episode “International Assassin”.

“Listen to what the Latina woman is saying throughout the episode. She appears twice: once in the episode before Kevin gets in the car with Virgil and then again after the fire alarm is pulled, before Kevin approaches the man with balloons. If you speak Spanish or know someone who does, what she’s saying very specifically pertains to the question asked. I think that I’ll probably just leave it at that.”

“if you listen carefully to what she’s saying, that may give an indication of an alternate theory”

I tried for months to understand why the Spanish nurse was so important to understand the whole story, and now I get it. This is what I found in a Reddit post:

“Scene ONE: A woman who appears to be a CONCIERGE! speaks “…don’t tell me you’ve [done]…” “No me digas que has he-[cho]…”
Woman in rags responds incredulously “…But I’m not a Doctor!!” “…pero yo no soy doctora!” Kevin enters, they fall silent.
Scene TWO: “Its a human heart please let me in. Please listen to me I need to go now if you don’t let me in somebody will die”

She’s trying to get into the hotel to (presumably) perform a heart transplant on someone.
The first scene is the REAL clue. The woman dressed as hotel staff is her “Virgil”, her guide. She’s most likely asking whether she drank any of the water.
The woman on rags picked the outfit of a doctor, so she was given a doctor’s mission. Perform an organ transplant to get out of the hotel. That explains why she denies being a doctor, and why she seems so desperate to complete her mission.
If you watch the scenes thinking of this woman as someone with the same “quest” as Kevin, it makes sense. That would also explain the priest in the elevator and the cop with the bag over his head. These aren’t different versions of Kevin, they’re actual people trying to get back to the real world, much like Kevin.” (click to read the whole reddit post).

This might be the final proof of the fact that the other place (the hotel world) is a real place. It’s not just in Kevin’s mind, but it’s an actual place. And when I say “place” I don’t mean a physical place, but some sort of dimension where people who died try to figure out what’s next.
We know for sure that there are four options for people who end up there. First you choose your outfit from the wardrobe and then you can:

  1. Drink the water and forget who you are
  2. Complete a mission, like Kevin does, and try to go back to the real world (maybe this option requires a guide, like Virgil)
  3. Pass a test (like the final Karaoke scene, where Kevin had to prove he loved his family by singing a song).
  4. Stay there and just let time pass without really understanding the reason why you’re there, like Neil does.

It’s not just Kevin’s personal purgatory, but a place for everyone who dies. There’s Neil, there’s Patti, Mary Jamison, Gladys and even Wayne..

And if this is true, we can finally understand the reason why the Guilty Remnants stone each other to death. Not for being remembered or to send a message, but because they know they don’t really die. They know for sure that they all end up in the same place. A place where people actually share their beliefs, where they can organize and do more than just standing outside people’s houses and stare at them. A place where Patti Levin is running for president of the United States, because people believes in what she says.

They stone each other to death so they can all be together in the other place, and get inside people’s mind, like Patti did with Kevin, and finally be able to destroy families.

The Leftovers TEORIA – Ecco perché i Colpevoli Sopravvissuti non hanno paura di morire

Kevin_Virgil

Ciao a tutti! Dopo il mio ultimo articolo su The Leftovers, dove spiego i motivi per cui secondo me Kevin è uno dei Colpevoli Sopravvissuti (click qui per leggerlo), vorrei parlarvi di un’altra teoria, di cui per ora non ho mai sentito parlare su internet, ma che per me potrebbe essere reale (e mooolto interessante!).

Guardando e riguardando l’ottavo episodio della seconda stagione, International Assassin, non ho potuto fare a meno di pormi tantissime domande sul misterioso hotel. Dove si trova davvero? Esiste realmente in qualche punto del mondo o si trova in una sorta di limbo tra la vita e la morte? Perchè proprio un hotel?

Non sono riuscita a rispondere a tutte queste domande. Come ho già detto in uno dei miei articoli precedenti (click), sappiamo che a Perth (Australia) si trova una copia esatta dell’hotel, grazie alla quale K.G. Senior riesce a comunicare con suo figlio tramite il televisore durante il suo viaggio all’altro mondo (K.G.S. sembra riuscire a mettersi in contatto con lui tramite una sorta di rito voodoo che coinvolge quelli che sembrano essere aborigeni e due o più falò, il cui fuoco fa scattare l’allarme dalla parte Kevin). Ma dell’ubicazione geografica (o metafisica?) dell’hotel vero e proprio non sappiamo niente. Alla fine dell’episodio vediamo Kevin guidare fino a Miracle, quindi, volendo supporre che in questo altro mondo le cose funzionino come nel nostro, l’hotel non si trova in Australia come l’altro. E se invece si trattasse di una dimensione in cui lo spazio e il tempo sono compressi e funzionano in maniera  totalmente diversa dal mondo reale? Non sarebbe la prima volta che il nostro Lindelof crea una cosa del genere. 🙂

Basandomi su questa idea, ho pensato anche che il mondo dell’hotel potrebbe essere una sorta di universo parallelo nel quale le persone,

Continue reading “The Leftovers TEORIA – Ecco perché i Colpevoli Sopravvissuti non hanno paura di morire”